La buttano in un fiume con una pietra al collo: ma lei sopravvive alla loro crudeltà e vigliaccheria

Farndon, Inghilterra: Non c'è bisogno di solito di andare a cercare episodi di violenza sugli animali in altri Paesi del mondo, visto che nel nostro, ahinoi, ne siamo già pieni. Ma l'uomo è crudele e vigliacco, e difficilmente la nazionalità cambia le cose.


Questa storia è però ha lieto fine, una cagnolona di 10 anni, di razza Pastore belga, è stata gettata, con una grossa pietra al collo, nel fiume locale di Trent.


Fortunatamente una donna che era nei paraggi è riuscita ad intervenire, tirandola fuori dall'acqua. Portata in ambulatoria vessava in condizioni critiche, ma grazie ai veterinari e all'impegno di tutto lo staff medico, Bella, questo il nome della Pastore belga; si è ripresa e non è più in pericolo di vita.


Bella aveva anche il microchip, che ha permesso di rintracciare i suoi padroni un uomo ed una donna rispettivamente di 32 e 31 anni, che sono stati arrestati e denunciati per crudeltà verso gli animali. Se verranno dichiarati colpevoli i due rischiano davvero la prigione fino a 5 anni. Perché l'uomo è cattivo dappertutto, ma la giustizia varia da Paese a Paese.


8,561 visualizzazioni1 commento

© 2019 PARTITO ANIMALISTA ITALIANO

PARTITO ANIMALISTA ITALIANO   /  partitoanimalista@gmail.com   /  C.F.: 92059140639 / TEL./FAX: 800.985.174

SEDE LEGALE: Via Diaz, 138 - 80047 San Giuseppe Vesuviano (NAPOLI)  /  INFO MOBILE: +39. 348.494.41.00  

  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • Youtube
  • Instagram Icona sociale