Il Canada approva il divieto totale delle importazioni e delle esportazioni di pinne di squalo

Il Canada è diventato il primo paese al mondo a vietare completamente l'importazione e l'esportazione di pinne di squalo, il che è significativo in quanto il Canada è il maggiore importatore mondiale di pinne di squalo al di fuori dell'Asia. Lo scorso anno sono stati importati in Canada 160.000 chilogrammi di pinne di squalo.


Sebbene fino ad ora l'importazione di pinne di squalo sia stata perfettamente legale, la pratica dello "spinnamento" di squalo era resa illegale nel 1994. Il divieto è stato proposto dal senatore Michael MacDonald, un conservatore, e sponsorizzato dal parlamentare Fin Donnelly dell'NDP.


Le pinne di squalo erano già state bandite in 19 comuni canadesi e 300.000 persone hanno firmato una petizione a sostegno di quel divieto.


Negli Stati Uniti, il possesso, la vendita e la distribuzione di pinne di squalo è illegale in 12 stati. È anche illegale in tutti i paesi membri dell'Unione Europea. Tuttavia, la zuppa di pinne di squalo, il modo principale in cui viene preparata la pinna di squalo, può essere trovata nei ristoranti in tutte queste località.


Durante il processo di pinnatura degli squali, uno squalo vivo viene catturato, le sue pinne rimosse e il resto dell'animale viene buttato in mare dove successivamente muore, se ciò non è già successo. In tutto il mondo vengono uccisi circa 100 milioni di squali. Gli squali hanno un ritmo riproduttivo lento, rendendo la pratica di uccidere così tanti squali pericolosi per la loro continua sopravvivenza come specie.



0 visualizzazioni

© 2019 PARTITO ANIMALISTA ITALIANO

PARTITO ANIMALISTA ITALIANO   /  partitoanimalista@gmail.com   /  C.F.: 92059140639 / TEL./FAX: 800.985.174

SEDE LEGALE: Via Diaz, 138 - 80047 San Giuseppe Vesuviano (NAPOLI)  /  INFO: 329.417.55.57 --- 348.494.41.00  

  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • Youtube
  • Instagram Icona sociale