Gli esperti avvertono che la caccia potrebbe spingere gli orsi polari all'estinzione

Gli orsi polari sono creature iconiche, la loro pelliccia bianca e le dimensioni giganti sono inconfondibili. Ma gli umani hanno dato per scontate queste creature per troppo tempo. Dire che l'orso polare è nei guai è un eufemismo. Secondo la lista rossa IUCN, gli orsi polari sono considerati vulnerabili. In Canada, sono oggetto di "preoccupazione speciale". Sono considerati minacciati anche negli Stati Uniti. Molti riconoscono che questi orsi stanno vivendo momenti difficili.


Di recente, gli Stati Uniti hanno annunciato che non perseguiranno un divieto internazionale sul commercio di pelli di orso polare. L'accoglienza di questa decisione è stata diversa. Le organizzazioni indigene Inuit hanno applaudito alla decisione di proteggere i loro interessi di cacciare gli orsi polari per la loro carne e pellicce, quest'ultima valutata a quasi $ 80.000 USD. Ma altri temono che il tasso di caccia sia insostenibile e debba essere vietato per proteggere la specie.


Secondo Ole Liodden, un pluripremiato fotografo naturalista e ambientalista, la crescente pressione sugli orsi polari in combinazione con i cambiamenti climatici è una ricetta per l'estinzione per le specie e che la pratica della caccia agli animali deve finire se vogliamo per salvarli dall'estinzione.


Si stima che circa 50.000 orsi polari siano stati uccisi dagli anni '60 con quasi un quinto di quegli orsi cacciati nell'arco di 9 anni dal 2007 al 2016. Secondo l'IUCN, sono probabilmente rimasti solo tra i 20.000 ai 25.000 esemplari. Sono state prese alcune misure per limitare la pratica della caccia agli orsi polari. La caccia aerea e navale degli orsi è stata vietata da un accordo internazionale dagli anni '70. Liodden ritiene che ciò non sia sufficiente per salvare la specie.


Secondo Liodden, tutto si riduce alla sostenibilità e alla capacità della specie di riprodursi abbastanza rapidamente, unita all'impatto dei cambiamenti climatici.


“L'orso polare è una delle specie più esclusive che i cacciatori vogliono uccidere. Ma è la specie di mammifero più a rischio a causa del basso tasso di sopravvivenza del cucciolo, del basso tasso di riproduzione e dei cambiamenti climatici."


"Sebbene un clima più caldo possa in gran parte determinare la futura distribuzione degli orsi polari, la stragrande maggioranza delle riduzioni della popolazione negli ultimi 30 anni sono attribuibili alla caccia insostenibile".

Per secoli, le tribù indigene in quello che oggi è il Canada e gli Stati Uniti hanno cacciato gli orsi polari, ma negli anni '40, quando iniziò la caccia al trofeo degli animali, il ritmo con cui gli animali furono uccisi esplose. I ricchi cacciatori di trofei hanno approfittato delle pratiche ormai vietate della caccia aerea e della caccia basata sulle navi per portarsi facilmente un potente orso polare.


Gli esperti stanno avvertendo che le popolazioni di orsi polari potrebbero essere dimezzate entro la metà del secolo con l'attuale tasso di riscaldamento globale e che quindi la caccia agli orsi polari debba essere completamente vietata.


"Perché diavolo stiamo permettendo ai cacciatori di trofei di ucciderli per divertimento?" chiede Eduardo Goncalves, il fondatore della Campagna per vietare la caccia ai trofei in un'intervista con Mirror.


“I cacciatori di trofei uccidono i più grandi animali, rimuovendo i geni necessari per sopravvivere al riscaldamento globale. È un altro motivo per cui la caccia ai trofei è un crimine contro la natura ".

Secondo Polar Bears International, le precedenti strategie di gestione della popolazione sono state sufficienti a garantire la sopravvivenza continua degli orsi polari. Ma il benessere degli animali è minacciato dai cambiamenti climatici.


“Quando gli habitat erano stabili, si poteva calcolare un raccolto sostenibile e il numero di etichette per cacciatori mantenute all'interno di quel raccolto sostenibile. Purtroppo l'habitat dell'orso polare non è più stabile. Gli orsi polari dipendono dalla superficie del ghiaccio marino per catturare la loro preda di foca e il riscaldamento globale significa progressivamente meno ghiaccio marino su cui possono cacciare. Alla fine, tutti gli orsi polari vedranno i loro habitat letteralmente sciogliersi sotto i loro piedi a meno che non agiamo per frenare le emissioni di gas serra. Quindi, non ci sarà raccolto sostenibile da nessuna parte."

Tuttavia, credono che alcune popolazioni di orsi polari siano abbastanza stabili per continuare la caccia.


"Quelli che non stanno ancora vedendo gli effetti negativi della perdita di habitat possono fornire un raccolto limitato per qualche tempo a venire. Il mantenimento di questi raccolti a lungo termine dipende dalla riduzione dell'aumento delle concentrazioni di gas a effetto serra. Ma per ora, alcune popolazioni potrebbero ancora essere cacciate in sicurezza ”.

Ma quell'ottimismo non è condiviso da molti. "Non sembra che rimarranno molto più a lungo nella maggior parte delle popolazioni", ha dichiarato Péter Molnár, ricercatore dell'Università di Toronto Scarborough in un'intervista al National Geographic.


"Abbiamo prove molto evidenti che questi declini peggioreranno appena i cambiamenti climatici. A meno che non stiamo cambiando le cose su quel fronte, è un risultato piuttosto cupo e predeterminato ".




0 visualizzazioni

© 2019 PARTITO ANIMALISTA ITALIANO

PARTITO ANIMALISTA ITALIANO   /  partitoanimalista@gmail.com   /  C.F.: 92059140639 / TEL./FAX: 800.985.174

SEDE LEGALE: Via Diaz, 138 - 80047 San Giuseppe Vesuviano (NAPOLI)  /  INFO MOBILE: +39. 348.494.41.00  

  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • Youtube
  • Instagram Icona sociale