La Cina annuncia un piano per vietare definitivamente il commercio di animali selvatici

Alla luce della rapida diffusione del coronavirus, la Cina ha annunciato piani per vietare il commercio illegale di specie selvatiche e intensificare la vigilanza su questi tipi di mercato. L'iniziativa, che è supportata da molti attivisti per i diritti degli animali, mira a rallentare o prevenire la diffusione del contagio.


Come riporta Business Insider, si ritiene che il coronavirus di Wuhan (2019-nCoV) abbia avuto origine in un mercato a Wuhan, nella provincia di Hubei. È noto che i mercati vendono animali vivi e morti.


Dallo scoppio del virus, oltre 1.000 persone sono morte in Cina. In tutto il mondo sono state colpite oltre 43.000 persone. All'inizio di febbraio, il Comitato permanente dell'ufficio politico del Partito Comunista Cinese, l'organo più potente del Partito, ha annunciato di aver riconosciuto i suoi errori nella risposta allo scoppio del contagio. Il comitato ha inoltre annunciato che i mercati illegali della fauna selvatica verranno vietati.


"È necessario rafforzare la vigilanza di questi mercati, vietare risolutamente e reprimere gravemente i mercati e gli scambi illegali di animali selvatici e controllare i principali rischi per la salute pubblica dalla fonte", ha affermato il comitato nella dichiarazione.


Wuhan 2019-nCoV è una malattia zoonotica, il che significa che ha avuto origine da animali. Gli esperti teorizzano che il virus si diffonda dai pipistrelli, ai serpenti, alle persone.





1,057 visualizzazioni1 commento

© 2019 PARTITO ANIMALISTA ITALIANO

PARTITO ANIMALISTA ITALIANO   /  partitoanimalista@gmail.com   /  C.F.: 92059140639 / TEL./FAX: 800.985.174

SEDE LEGALE: Via Diaz, 138 - 80047 San Giuseppe Vesuviano (NAPOLI)  /  INFO MOBILE: +39. 348.494.41.00  

  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • Youtube
  • Instagram Icona sociale